domenica 17 marzo 2013

Non si vive di soli risotti

Una serata diversa dal solito, interessante, ricca di spunti di riflessione, quella di venerdi.
Un semicerchio di donne che si confrontano sul mondo del lavoro e i suoi cambiamenti, con testimonianze tangibili e toccanti.
Ma troppo avanti per il nostro piccolo paesino di campagna, dove la mentalità è ancora, per la maggiore, quella di una volta.
L'invito, infatti, è stato accolto da poche persone, da poche donne e qualche uomo.

E pensare che io, invece, mi sono fermata direttamente di ritorno dal lavoro, saltando anche la cena!
Il mio fiuto per queste cose, per l'ennesima volta, non mi ha tradito.

Ho avuto modo di ascoltare esperienze di donne e madri di famiglia che grazie alla passione e alla enorme volontà hanno portato avanti e realizzato sogni nel mondo del lavoro, ambiente che sta cambiando, è cambiato e deve ancora cambiare molto.
Esperienze diverse tra loro, ma tutte mi hanno lasciato qualcosa.

Prima di uscire, ho scambiato qualche parola con alcune donne presenti, tra cui la nostra Prima Cittadina: si disquisiva sul fatto che, se non proponi argomentazioni enogastronomiche in aggiunta al tema principale, non ottieni presenze.
In sintesi, con la panza piena o la promessa che la si riempirà al termine della serata, ascoltano, altrimenti non vengono nemmeno a sentire di cosa si tratta.
Sono piacevoli e necessarie, tuttavia, anche nuove iniziative, che portano una ventata di aria fresca, perchè, come ha abilmente condensato in una frase la Prima Cittadina, aumentando la già enorme stima che nutro nei suoi confronti, "Non si vive di soli risotti, no?"

14 commenti:

  1. Monica, mi sa che ci vuole la carota.....non so, un buffet alla fine? Lo so è un po' triste, ma a volte bisogna trovare il modo di attirare l'attenzione! Poi magari da cosa nasce cosa...

    RispondiElimina
  2. Infatti. Bisogna seminare...

    RispondiElimina
  3. è vero che da cosa nasce cosa ma sono convinta anche che non offrendo niente chi verrà sarà lì perchè realmente interessato e a volte il detto pochi ma buoni è proprio vero!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti venerdì è stata una serata molto interessante e coinvolgente!

      Elimina
  4. È che si ascolta meglio con la panza piena ;-). Ovviamente scherzo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo! Ma c'è anche molto altro...

      Elimina
  5. Semicerchio di donne, dove? Mi è sfuggito il nome del paese? :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuta!
      C'è stato venerdi nel mio paesino di campagna!

      Elimina
    2. Grazie per la risposta.
      Lo chiedevo perché sono curiosa. Nel mio paese ci riunivamo presso una libreria di un'amica che organizzava questi incontri tra donne. Però la crisi ha fatto sì che chiudesse. Quindi sono orfana di semicerchio :P

      Elimina
    3. Se non sei lontana, so che ce ne sono altri in programma...

      Elimina
  6. Sto a Roma :)
    Ho trovato il tuo blog su WithandWithin ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, decisamente scomodo venire fin qui.

      Elimina
  7. Caspita, che brutto! Però è vero. Non sono convinta che sia giusto "pasteggiare" per attirare persone perché in realtà secondo me è meglio pochi ma buoni. Persone veramente interessate e non "pidocchiosi".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bisogna anche seminare un po', per raccogliere buoni frutti...

      Elimina